Automazione

Pubblicato il 14/12/2017


Il termine automazione nasce per identificare tutto ciò che è necessario per far funzionare una macchina (o un processo) in modo automatico, ossia senza l’intervento dell’uomo. Lo scopo principale dell’automazione è, più che quella di sostituire l’intervento umano, piuttosto quella di sostituire tutti quei processi monotoni, che richiedono alta precisione, grande sforzo e velocità di esecuzione. Per caratteristiche intrinseche, l’essere umano possiede un grado di concentrazione, resistenza fisica e precisione limitati ed è il motivo per cui la società tende a relegare tali attività alle macchine. Ovviamente le competenze umane tendono ad elevarsi per poter creare dispositivi tecnologici sempre più complessi sia dal punto di vista meccanico che elettronico. L’alta complessità di questi macchinari implica una richiesta di manutenzione ancor più attenta e capillare. Ciò significa che se da una parte l’automazione porta ad una drastica riduzione di bassa manodopera, e quindi di personale non specializzato, dall’altra richiederà un aumento di personale “pensante” per poterla gestire. Statistiche attuali mondiali dicono che oggi nelle aziende sia presente una automazione ogni 135 addetti alla manodopera.